I più grandi si prendono cura dei più piccoli. Gioventù Idente di Torino

Un gruppo di giovani radunato attorno al più alto ideale: dare la vita per i propri amici. Dopo due anni in cui non è stato possibile vedersi di persona, la Gioventù Idente del nord d’Italia ha trascorso insieme una giornata campamentale nella Parrocchia di Santa Monica, a Torino.

La notte di sabato 13 novembre, alcuni diciassettenni insieme ad altri ragazzi universitari, si sono fermati a dormire in uno dei saloni della parrocchia. Poiché uno di loro tardava molto ad arrivare, gli altri lo hanno aspettato fino all’ultimo, dando prova di fedeltà e unità. Si sono addirittura mossi andando a cercarlo, e non sono riusciti a riposare finché lui non è rientrato. 

L’indomani è avvenuto l’incontro con i più piccoli, e hanno dialogato con loro dell’impatto della pandemia sui loro modi di relazionarsi. Hanno anche cantato e partecipato a una caccia al tesoro, regalando ai più giovani l’occasione di rivivere, in piccolo, una giornata da campeggio. Anche se non è stato possibile accendere un fuoco vero e proprio, come si è abituati a fare nei campeggi, lo Spirito Santo è stato l fuoco che ha accesso nei loro cuori i desideri più belli. I ragazzi partecipanti hanno riscoperto il valore del dialogo, dello stare insieme, e di un ideale più grande che permette di camminare in unità: l’amore.

Lascia un commento