Category

Ecuador

Tocar el amor de Dios nos lleva a salir de nosotros mismos. Motus Christi en Loja

By | Ecuador, Motus Christi | No Comments

“Si uno de verdad ha hecho una experiencia del amor de Dios que lo salva, no necesita mucho tiempo de preparación para salir a anunciarlo, no puede esperar que le den muchos cursos o largas instrucciones. Todo cristiano es misionero en la medida en que se ha encontrado con el amor de Dios en Cristo Jesús; ya no decimos que somos «discípulos» y «misioneros», sino que somos siempre «discípulos misioneros»” (Papa Francisco, Evangelii gaudium, 120)

Del 22 al 24 de febrero del presente año se ha realizado en Loja-Ecuador un Motus Christi con la participación de 21 jóvenes universitarios de diferentes carreras de Loja y Cuenca. 

Desde el primer momento se percibió en los jóvenes un deseo de vivir un encuentro personal con Cristo en un espíritu de silencio, recogimiento, oración y alegría. Estos días han permitido que cada uno se sintiera tocado por el amor incondicional de Cristo, que todos somos llamados a una vida plena de santidad, y que esto nos compromete a ofrecer nuestro tiempo, nuestra creatividad, nuestros talentos, para ayudar a otros jóvenes a vivir este encuentro.Todos han manifestado su deseo de continuar este camino de conversión desde la vivencia del evangelio para poder responder a la llamada que Cristo les ha hecho. Han sido unos días de gracia y renovación espiritual tanto para los jóvenes como para los misioneros y misioneras identes que asistieron.

L’innocenza di un bambino conquista il cuore del sindaco di Ibarra

By | Ecuador | No Comments

Un gruppo i studenti del collegio “La Victoria” visitó pochi giorni fa il sindaco della città di Ibarra -Equador – per chiedergli spazi per lo sports nel nuovo collegio che si sta costruendo.

Il sindaco ricevette la delegazione distudenti (bambini di 10, 11 e 14 anni) e la loro responsabile, Pilar Morales, missionaria idente, con molta apertura e sorpresa. Gli studenti gli espressero la loro amicizia e la lista dellerichieste con totale innocenza; tra le richieste c’era quella di uno spazio per lo sport per il collegio. Fu un dialogo semplice e profondo.

Martín di 10 anni, sfidò il sindaco di Ibarra a giocare una partita di basket nelle vecchie strutture, dato che il sindaco è un grande giocatore di basket; la cosa meravigliosa è che Martin lo convinse della partita perché, nella sua spontaneità, gli fece delle domande tecniche, e il sindaco accettò l’invito. Durante la visita, il volto del sindaco si trasformò; si vedeva che era molto felice nel conversare con i bambini: insomma gli fecero passare un giorno diverso. Terminata la conversazione, Isabel gli offrì una pianta e gli disse che “gliela donavano perché aveva un cuore d’oro”. Il sindaco disse loro di prepararsi , perché intendeva fare una buona partita.

Quest’impegno portò Martin a cercare tra i suoi amici i migliori giocatori. Arrivò il giorno atteso; con la puntualità del caso, i giocatori si presentarono e la partita si realizzò, con l’allegria dei ragazzi presenti e la semplicità del sindaco. Martin si sente uno studente corresponsabile dell’Istituzione con la convinzione d’essersi conquistato il cuore del sindaco per cominciare un’opera molto positiva nel suo collegio che è privo di spazi e attrezzature per lo sport.

Terminata la partita, il signor Sindaco che era venuto con una ventina di persone che lo acompagnavano, procedette a visionare lo spazio dove si possono costruire locali per attività sportive e confermò la sua offerta ai bambini. Con innocenza e spontaneità si ottengono grandi cose.

80 studenti di Contabilità e di Auditorato, in convivenza per conoscere Cristo

By | America del Sud, Ecuador, Sin categorizar | No Comments

Lo scorso venerdì 22 giugno si organizzò con il corso di Contabilità e Auditorato una convivenza a cui parteciparono 80 studenti del nono e del decimo ciclo. Tramite il dipartimento di missioni universitariedell’ Università Tecnica Particolare di Loja, gestita dai missionari identes, ci si augura che questa attività sia estesa anche agli altri ventisei corsi che ha l’Università, affinché conoscano di più Cristo ed il nostro carisma.

La convivenza fu caratterizzata dal segno della gratitudine e dell’allegria che si percepivano nelle conversazioni sviluppate, nella convivenza, nei momenti di orazione e di riflessione.

La nostra orazione chiede che, per mezzo di queste attività, i partecipanti portino impresso nel loro cuore il fatto che “qualcuno parlò loro di Cristo”, e che tutti siamo chiamati a vivere la santità nella nostra quotidianeità.

Loja festeggia il giorno di nostro Padre Celeste. Ecuador

By | America del Sud, Ecuador | No Comments

La quarta domenica del mese di aprile di ogni anno, noi missionari identes celebriamo la festività del Padre Celeste.

La comunità delle missionarie e dei missionari identes di Loja, accompagnata dalla Famiglia Idente, dalla Gioventù idente, da familiari ed amici, ha commemorato questo giorno con la celebrazione eucaristica nella Cappella della UTPL. Poi è stata impartita una lezione spirituale in cui sì è parlato della nostra filiazione divina e di come viverla a immagine dell’amore di Cristo al Padre: ossia vivere con fedeltà e grandezza la nostra vocazione alla santità a cui siamo chiamati tutti i credenti e che Papa Francesco, in questo mese di aprile, ci ha invitati a vivere con l’esortazione apostolica “Gaudete et exsultate”  sulla chiamata alla santità nel mondo attuale.

A continuazione si realizzò un piccolo spettacolo a cui parteciparono piccoli e grandi della Famiglia Idente, della Gioventù Idente, nonché gli amici dell’Istituzione presenti.

Missionaria Idente riconosciuta dalla OWSD tra le migliori 5 scienzate dei paesi in via di sviluppo

By | Ecuador | No Comments

Silvia González Pérez, missionaria Idente e docente dell’ Area Biologica e Biomedica dell’Università Tecnica Particolare di Loja (UTPL) in Equador, è stata riconosciuta, per i Premi 2018 dell’Organizzazione per Donne Scienziate per lo Sviluppo del Mondo (OWSD), come una delle cinque migliori scienzate dei paesi in via di sviluppo. “L’obiettivo della scienza è la ricerca della conoscenza. La scienza è il miglior modo di cercare la verità; e per me la verità è Dio”, direbbe Silvia.

La premiazione ufficiale ha avuto luogo il 17 febbraio 2018 in Texas, Stati Uniti. Nell’evento della premiazione Silvia parlò delle passioni che muovono la sua vita: la sua famiglia, la chimica e Dio. Dedicò il premio alla comunità di missionarie e missionari identes e agli amici che l’ hanno sostenuta, oltre che all’Università Tecnica Particolare di Loja, che è impegnata per lo sviluppo della gioventù di Loja e del Paese.

Silvia è dottore in Chimica Quantica e in Metodi di Calcolo, ed ha dedicato la sua carriera professionale all’insegnamento superiore di chimica e fisica; centra la sua ricerca su catalisi e modellato molecolare di nuove potenziali sostanze che possano essere sintetizzate o purificate, attraverso prodotti naturali.

La Missione Idente Ecuador invia 130 giovani ad evangelizzare e ad aiutare le comunità bisognose

By | America del Sud, Ecuador, Gli identes oggi | No Comments

Dall’ 8 al 16 di settembre si sta svolgendo la Missione Idente Ecuador, organizzata ogni anno dal Dipartimento di Missioni Universitarie dell’Università Tecnica Particular di Loja (UTPL) e dall’Istituto Id di Cristo Redentore, Missionarie e Missionari Identes. In questa occasione, mossi da una profonda fede e aspirazione, 130 giovani sono partiti l’ 8 settembre dalla città di Loja verso le comunità rurali delle regioni della sierra, costa ed oriente, appartenenti a diverse diocesi, chiamati a diffondere la fede ed il servizio alle comunità sotto il mandato: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo”! (Mc 16, 15).

L’attività dei missionari comprende anche l’integrarsi nella vita delle comunità che vengono raggiunte e stabilire una stretta relazione con le famiglie, il che permette loro di toccare da vicino la loro realtà e, contemporaneamente, condividere con loro la parola di Dio, che, in alcuni casi, non conoscono o su cui hanno molta confusione. In vari posti si constata uno scarso sviluppo sociale ed economico al quale si somma l’acutizzazione di problemi sociali come l’alcolismo, la disoccupazione, la tossicodipendenza, la destrutturazione familiare ed altri che richiedono un’attenzione professionale specifica.

La Missione Idente Ecuador nasce nel 2004 come un’iniziativa dell’Istituto di missionarie e missionari identes e dell’Università Tecnica Particular di Loja, diretta dalla suddetta comunità, con l’obiettivo di evangelizzare e servire le comunità dall’Ecuador, specialmente quelle che soffrono una grande precarietà umana, morale e spirituale. Iniziò con la partecipazione di 700 giovani universitari tanto dell’Ecuador come del Perù, Cile, e Colombia, uniti per portare la Buona Notizia del Vangelo in tutti gli angoli della geografia ecuadoriana.

Da allora questa attività evangelizzatrice si è andata arricchendo con la partecipazione di circa quattromila giovani universitari nel corso di tutte le edizioni, ed è stata un’esperienza che ha segnato le loro vite e quella di molte persone perché attraverso di essa hanno riconosciuto la grandezza della loro dignità di figli di Dio.

Inoltre, a dispetto delle difficoltà logistiche e geografiche che suppone realizzare questo grande sogno, si è riusciti a plasmare progetti di servizio alle comunità rurali dell’Ecuador grazie alla conoscenza dei giovani in campi come mediazione di conflitti, orti familiari, pagamenti organizzati, innesti, riciclaggio di spazzatura, conservazione di alimenti, sistema di servizi igienici, e controllo di segni vitali, disinfestazioni, igiene e nutrizione.

Parallelamente si è aggiunto il supporto volontario di medici e studenti di medicina che hanno reso possibile la realizzazione del progetto Missione Medica che ha l’obiettivo di offrire attenzione medica gratuita alle persone di quelle comunità che più ne hanno bisogno. In molti casi è la prima volta che le persone aiutate ricevono assistenza medica, questo permette loro di seguire un trattamento adeguato per le differenti malattie, usando medicine che sono state donate dalle farmacie e laboratori e che sono registrati dagli stessi studenti volontari. Tale è il caso di Esmeraldas Chiquito (Las Malvinas), a sud di Guayaquil, dove i missionari hanno offerto circa 500 cure mediche gratuite. Si realizzarono consultazioni in medicina generale, i pazienti furono donne, adulti e specialmente bambini. Questi ultimi furono vaccinati contro il tetano.

Durante i giorni di missione i giovani si incaricano di realizzare incontri e chiacchierate con l’obiettivo di condividere con le persone catechesi sacramentale e dibattiti su valori, convivenza familiare, relazioni umane, etc. Ugualmente attraverso le chiacchierate si vogliono aiutare le comunità a migliorare le loro condizioni di vita, specialmente in posti dove c’è un deficit nei servizi basilari come: acqua potabile, fognatura e luce elettrica; lì i missionari intraprendono l’arduo compito di educare queste popolazioni su temi come: l’utilizzo corretto dell’acqua e norme basilari di igiene, e perfino insegnano loro come costruire batterie sanitarie.

Come dimostrazione del bel lavoro che realizza questa iniziativa apostolica menzioniamo alcune cifre, sapendo che dietro ognuna di esse ci sono persone concrete con le quali i missionari hanno condiviso la loro vita. Nel 2016, la Missione Idente Ecuador si è occupata di 816 famiglie, di 22 comunità, con 978 bambini, 350 giovani e 930 adulti.

In questo modo, la Missione Idente Ecuador favorisce la coscienza sociale negli studenti universitari e professionisti latinoamericani, convocandoli a portare il messaggio di Cristo. Per molti giovani la Missione Idente ha significato un incontro personale con Cristo, che hanno scoperto nella semplicità e generosità di tutte le persone che li hanno accolti nei posti di missione.

“Los valores” se pasean por los departamentos de la Universidad. Ibarra, Ecuador

By | America del Sud, Ecuador | No Comments

El pasado miércoles 21 de junio algunos docentes y miembros del personal administrativo de la Pontificia Universidad Católica del Ecuador Sede Ibarra se vistieron de mimos para sorprender a sus compañeros en las oficinas de la universidad. Llevaban carteles con un sin fin de valores humanos: “La responsabilidad compartida”, “el respeto del ser humano”, “la transparencia”, etc. y visitaron cada departamento invitando a sus compañeros de trabajo a que elijan el valor que consideren el más importante o el que más se lleve a la práctica. El valor elegido se colocó en un lugar visible de cada departamento, a fin de que lo tengan presente y puedan continuar con seguridad y confianza desarrollando su labor profesional.

Ha sido una iniciativa del departamento de Misiones Universitarias de la Pontificia Universidad Católica del Ecuador Sede Ibarra, a través de la Mgs. María Elena Torres, Premio Humanístico Fernando Rielo – mención docente 2017, quien está llevando a cabo este proyecto humanístico llamado “Promover los valores Institucionales del Plan Estratégico, PUCE- 2016-2020”.

Mons. Emilio Stehle: un obispo que dio su vida por Cristo y por Santo Domingo de los Tsáchilas

By | Ecuador | No Comments

La Pontificia Universidad Católica del Ecuador Sede Santo Domingo (PUCE SD) es una de las obras que reflejan el don de servicio que caracterizó a monseñor Emilio Lorenzo Stehle, fallecido el pasado 16 de mayo. Su sueño de impulsar la educación superior en esta ciudad ecuatoriana es hoy una realidad. Por ello, la sede universitaria, en conmemoración a su lamentable fallecimiento, celebró una misa el pasado 22 de mayo, que fue presidida por el capellán y viceprorrector de la PUCE SD, p. Marcos Santibáñez, misionero idente.

El acto emotivo congregó a estudiantes, docentes y personas que tuvieron la fortuna de conocer directamente la persona de mons. Stehle, primer obispo de Santo Domingo de los Colorados.

Al final de la celebración, la Dra. Graciela Flores, quien compartió con él desde la creación de la PUCE-SD, dijo emotivamente: “Recuerdo un brillo espectacular en sus ojos cuando nos anunció la aprobación de la sede de la Univerzsidad. «Ya somos Pontificia Universidad Católica del Ecuador. La universidad en la que se formarán jóvenes con los más altos valores, conocimientos y habilidades; y lo mejor, ya no tendrán que dejar esta ciudad», dijo con alegría”. Mons. Stehle amó intensamente esta ciudad.

En la homilía se destacaron muchas de las obras sociales y de ayuda humanitaria de Mons. Emilio Stehle que perdurarán por siempre: la casa para niñas “Valle Feliz”; el ancianato “Santa Ana y San Joaquín”; el centro de recuperación nutricional para niños en conjunto con la organización Cáritas; y nuestra Sede Universitaria, que hoy cuenta con 8 carreras de grado, y por lo tanto permite formar profesionales con educación integral, humanista y de convicciones muy profundas.

Todas estas acciones nacieron de la bondad y perseverancia de Mons. Stehle con la finalidad de construir una sociedad más justa y solidaria.

Nuevo centro de convenciones “Fernando Rielo” en la Universidad Católica de Ibarra, Ecuador

By | Ecuador | No Comments

El día viernes 12 de mayo se inauguró en la Pontificia Universidad Católica del Ecuador-Sede de Ibarra (PUCE-SI), el centro de convenciones “Fernando Rielo”: un hermoso espacio con una capacidad de 600 personas y la posibilidad de dividirse en tres salones diferentes para 200 cada uno. Fue bendecido por monseñor Valter Maggi, obispo de la diócesis de Ibarra, quien a su vez presidió la misa de acción de gracias por los nuevos espacios y los nuevos graduados que se incorporaron en la tarde.

Durante el acto de inauguración la prorrectora de la Universidad, María José Rubio, misionera idente, presentó brevemente la figura de Fernando Rielo comentando la importancia de la decisión del Consejo Directivo de ponerle su nombre; ya que su figura, no solo como fundador de los Misioneros Identes, sino como filósofo, poeta, místico, amante de la belleza y como promotor de los más altos valores humanos.

Al finalizar el acto se invitó a los más de 350 asistentes a presenciar una actuación del grupo de danza universitario, quedando inaugurado así también el patio interno del edificio.

Por la tarde el centro de convenciones “Fernando Rielo”, inaugurado esa misma mañana, se llenó con el acto de graduación de 245 alumnos quienes asistieron con sus familiares. Los jóvenes asistentes al acto, manifestaron que se sentían orgullos de la ceremonia y de este nuevo imponente edificio de su universidad.

 

 

 

 

 

Llevando la experiencia de un Cristo vivo a “Chiriguasi”, Ecuador

By | Ecuador | No Comments

Los misioneros Identes, junto a estudiantes, docentes y personal administrativo de la Universidad Católica de Ibarra, realizaron la cuarta Misión en la comunidad de “Chiriguasi”. El día sábado 22 de abril los habitantes de esta pequeña comunidad, situada en la provincia ecuatoriana de Imbabura, recibió la alegría de la Pascua a través de los jóvenes que dedicaron un día entero para compartir la frescura y novedad del Evangelio con cada uno de ellos.

Junto a los niños de las catequesis se visitaron todas las familias del lugar y luego se realizaron talleres sobre la Pascua para los más pequeños, para los jóvenes y para los adultos. La finalidad de estos talleres era reconocer en la vida personal y en las cosas más simples a Cristo vivo y presente en cada una de nuestras vidas.

Luego, entre todos, se realizó una actividad llamada “La dignidad de ser hijos de Dios”. Esta consistía en la limpieza y arreglo de la capilla, para despertar una sensibilidad por el orden y buen gusto en la iglesia como casa de Dios.

“Chiriguasi” pertenece a la parroquia La Esperanza en la Ciudad de Ibarra, Ecuador. Los misioneros Identes visitan semanalmente esta comunidad desde diciembre del 2016.