Il nostro presidente circondato da bambini nella sua visita alla comunità di Ibarra-Equador

By 13 Febbraio, 2020Febbraio 17th, 2020Ecuador

Con immensa allegria, dal 3 al 5 febbraio abbiamo ricevuto, nella  nostra comunità di Ibarra, la visita del Presidente delle missionarie e dei missionari Identes, P. Jesús Fernández Hernández, dopo la firma del rinnovo della Convenzione con la Pontificia Università Cattolica dell’ Equador (PUCE) a Quito. Nelle parole di benvenuto ci disse quanto sia prezioso il tempo di Dio, e come dobbiamo essere in atteggiamento di uscita da noi stessi per fare, in ogni momento, la sua volontà.

Il giorno dopo visitó il Centro  Convenzioni “Fernando Rielo” della PUCE di Santo Domingo; salutò i giovani e, alle 18.00, celebrò la messa a cui assistettero circa 250 persone: famiglia idente, chierichetti, gioventù idente e gruppi di lavoro delle missionarie e dei missionari identes, sia dell’università che del collegio. Nell’Eucaristia il nostro Presidente ci esortò a chiedere con fede tutto ciò di cui abbiamo bisogno, senza timore, con decisione, e a vivere, in ogni momento, con il desiderio di conoscere e di abitare nel cuore del Padre Celeste. La sua omelia fu molto bella e profonda.  Dopo condividemmo un caffè con circa 120 persone, mentre i chierichetti gli cantarono l’”inno dei chierichetti”, ed una bambina del collegio gli dedicò una poesia di circa 10 minuti, sull’Eucaristia. Alla fine il nostro Presidente, in modo particolare e su richiesta dei genitori, impartì la benedizione alle famiglie che erano presenti: fu un momento molto emozionante perché sia i genitori che i bambini, ricevettero la benedizione con molta fede.

Il poter condividere con la famiglia idente, con i genitori delle missionarie di Ibarra, con persone che lavorano nel collegio e nell’università, è stata una benedizione per tutti. Varie persone commentavano che mai avevano vissuto un’Eucaristia tanto speciale e che l’omelia era giunta proprio al cuore.

Il giorno dopo visitò i ragazzi dell’Unità Educativa Cattolica “la Victoria”, che ha sede in un edificio che si sta costruendo; i bambini lo salutarono con innocenza e gli dedicarono la canzone “anima missionaria”. Fu una visita stupenda, erano tutti felici. Alla fine ci disse che dobbiamo piantare più alberi, perché i bambini si devono proteggere dal sole, dato che in quel momento il sole era molto forte. Dopo ciò, partì per l’aeroporto per recarsi a Loja.

Lascia un commento