La gioia di un incontro artistico familiare in tempo di quarantena in Perù

By 21 Aprile, 2020Aprile 25th, 2020Perù

Nel pomeriggio della domenica di Pasqua di Resurrezione, le missionarie ed i missionari identes della costa, della sierra e della selva del Perù si diedero appuntamento per celebrare Cristo Risorto attraverso un colorito e particolare incontro artistico online.

Il tempo di quarantena, ha permesso di riunire gente di tutto il paese. E’ la prima volta che si realizza un incontro come questo ed ha avuto come segno quell’allegria che il nostro fondatore, Fernando Rielo, sempre ci invitò a vivere: “Io chiedo  a Dio che i membri dell’Istituto si caratterizzino per l’allegria, un’allegria in tutte le cose che non sia come le fugaci allegrie di questo mondo. Voglio che crescano in tal grado in questa mistica allegria, da vedere la terra dal cielo e non il cielo dalla terra”.

Dalla selva, nella calda città di Ichitos, le nostre sorelle presentarono l’opera teatrale “Capuchino y Lola”, storia di una scimmietta e di una vacca che si incontrano in piena selva ichitegna in tempo di quarantena. Dalla sierra, nella valle della città di Abancay, le nostre sorelle e i nostri fratelli presentarono riflessioni, poesie ed una simpatica gara di indovinelli. A varie ore da Abancay si trova la città imperiale di Cusco, dove le nostre sorelle ci divertirono con creazioni proprie di poesie, acrostici ed alcune particolari barzellette. Dalla costa, a Lima, la città dei Re, le nostre sorelle e i nostri fratelli offrirono poesie come pane appena sfornato, frutto dell’incontro personale con Cristo, durante i momenti di orazione, e un piccolo, ma molto ameno, musical di incoraggiamento e di vera speranza davanti ai momenti difficili che attraversa la nostra amatissima umanità.

Questa volta la distanza ci ha uniti in un incontro artistico, fraterno e pasquale.

Lascia un commento