Category

Sedi Generali

Incontro della Famiglia Idente di Yaoundé con il p. Luis Casasús

By | Africa, Camerun, Sedi Generali | No Comments

Domenica 14 aprile la visita del Superiore Generale dei missionari identes, p. Luis Casasús, si è conclusa con l’incontro della Famiglia Idente.

Ha condiviso con noi momenti vissuti con il nostro Padre Fondatore, affinché possiamo comprendere meglio l’importanza dell’apostolato, e che il lavoro, lo studio, tutta la nostra attività è un mezzo per incontrare nuove persone, per accompagnarle e trasmettere loro il meglio che abbiamo.

I Superiori provinciali hanno detto qualche parola di addio e ringraziamento. Ci ha incoraggiato a vivere quotidianamente l’apostolato e lo ringraziamo per la sua visita che ci rinnova e ci trasmette la pace di Cristo.

Il p. Luis Casasús fa due ritiri Motus Christi in Camerún a più di 130 giovani a Soa (Cameroun)

By | Africa, Camerun, Gli identes oggi, Sedi Generali | No Comments

Il 4 e 10 aprile si sono svolti due Motus Christi nella parrocchia universitaria di San Pietro e San Paolo a Soa (Cameroun). Le conferenze sono state tenute dal Superiore Generale dei missionari, Padre Luis Casasús, e dalla Superiora Provinciale dei missionari identes, Anne Daban. In totale si sono riuniti più di 130 giovani universitari.

I temi sono stati la preghiera: essere consapevoli che è lo Spirito Santo che ha sempre l’iniziativa, i meccanismi psicologici di difesa, le giustificazione, le proiezione….. e l’importanza di scoprire ogni giorno il volto della persona che Dio mi presenta perché io possa prendermi cura di lui o di lei.

Hanno anche sottolineato l’importanza dell’apostolato: il miglior servizio, condividendo il meglio della mia vita con gli altri, cioè Dio; ci sono state belle testimonianze di fiducia in Cristo, che ci ascolta sempre o il potere della preghiera per gli altri, che è sempre efficace.

Il programma si è sviluppato normalmente attraverso conferenze, preghiera personale, confessioni, comunità, pranzo tutti insieme, due testimonianze, tocco carismatico e celebrazione eucaristica finale. In somma, si stanno creando nuove comunità per permettere alla grazia ricevuta di durare e crescere.

Il p. Luis Casasús incontra la Gioventù Idente di Yaoundé (Cameroun)

By | Africa, Camerun, Gioventù idente, Sedi Generali | No Comments

Mercoledì 3 aprile, il Superiore Generale dei missionari Identes, P. Luis Casasús, ha visitato il gruppo giovanile di Etoudi, a Yaoundé (Camerun).

Ha chiesto cosa è importante nella Quaresima: riflettere sul mio rapporto con il Padre nostro, come fece Cristo nel deserto. Ha parlato di una giovane donna che aveva incontrato attraverso un insegnante della Gioventù Idente, con problemi di droga, e che aveva incoraggiato a scoprire come Dio gli parla attraverso la vita di chi gli sta intorno. Così, lei, che non aveva alcun interesse a continuare a vivere, scoprì che sua sorella minore stava iniziando con gli stessi problemi e decise di prendersi cura di lei. In questo modo ha guadagnato la sua fiducia e ha riacquistato interesse per la vita. Con questo esempio, ci ha dato la forza e l’entusiasmo per prenderci cura delle persone che ci circondano.

Questo è un chiaro esempio dell’effetto curativo dell’estasi, come ci insegna il nostro Fondatore Fernando Rielo.

Beatitudini, cammino di santità

By | Famiglia Idente, Italia, Presidenza, Sedi Generali | No Comments

Il 27 gennaio nella nostra residenza di vita comune abbiamo avuto il 1° ritiro della Famiglia Idente di questo anno, con la gioia della visita del nostro Presidente p. Jesús Fernández Hernández, accompagnato dalla nostra sorella Anna Pedretti, Superiora della Provincia di Roma. P. Jesús ha parlato delle beatitudini come cammino di santità per il cristiano e per ogni uomo. La persona che vive questo vive l’amore, perché le beatitudini sono amore.

“Non si può vivere con paura e distanza da Dio, il timore non è amore, sì è la tenerezza verso il Padre Celeste. Lasciamo il nostro egoismo e passioni, non ci stanchiamo della speranza, come dice il Papa, la speranza è una certezza”.

Queste, alcune delle parole della sua riflessione sulle quali, poi, in piccoli gruppi, ci siamo soffermati, per condividere la ricchezza di quello che ognuno aveva meditato e riconosciuto nella propria vita.

Per la S. Messa, un piccolo chierichetto della Gioventù Idente, insieme con suo fratello, hanno scritto le preghiere dei fedeli. “Momenti “di cielo”, così potremmo definire l’impressione finale condivisa da tutti, che si salutavano con il ringraziamento per il cammino spirituale che stanno vivendo. 

 

Corso internazionale di formazione delle missionarie e dei missionari identes

By | Gli identes oggi, Presidenza, Sedi Generali | No Comments

Dal 19 al 31 agosto si tiene nel monastero di San Benno, in Bad Lauterberg (Germania), un corso di formazione per missionarie e missionari identes di tutto il mondo, molti dei quali superiori e superiore dei diversi Paesi in cui è presente l’Istituto.

In totale sono riuniti una novantina di membri dell’Istituto Id che parteciperanno ad un intenso corso che coniugherà conferenze, riflessioni in gruppo, messa in comune, momenti di orazione personale, l’orazione comunitaria e la celebrazione dell’Eucarestia..

Sarà un momento prezioso di rinnovamento e conversione spirituale oltre che di crescita nel vivere la consacrazione nel carisma idente, ispirato al loro fondatore, Fernando Rielo.

Tutto questo rappresenta momenti di grande profondità, di carità e di allegria per poter condividere il tutto con fratelli e sorelle che procedono da paesi dell’America del Sud e del Nord, dall’Africa, dall’Asia e dall’Europa, dove l’Istituto Id porta vanti missioni in tutti i campi di evangelizzazione secondo il suo carisma. L’apostolato e la cura dell’infanzia e della gioventù nelle parrocchie, nei collegi e nelle università; l’educazione a tutti i livelli; le cappellanie universitarie; l’apostolato nel mondo accademico e culturale; la ricerca; il lavoro medico e la pastorale sanitaria; la Gioventù Idente, il Parlamento Universale della Gioventù, la Famiglia Idente, ecc.

Visita del Presidente e dei Superiori Generali dei missionari identes a Maiorca

By | Presidenza, Sedi Generali | No Comments

Quest’estate la comunità delle missionarie e dei missionari identes di Palma di Maiorca ha avuto la gioia della visita del suo Presidente, P. Jesús Fernández, e dei suoi Superiori Generali, P. Luis Casasús e María del Carmen García Viyuela.

Tra le diverse attività apostoliche che hanno realizzato, si segnala il Motus Christi per giovani e un altro per famiglie, con la presenza di numerose persone. Le tematiche hanno avuto carattere esperienziale, per aiutare tutti i partecipanti ad applicare il Vangelo ai loro problemi ed alle circostanze quotidiane, e rendere palpabile che è possibile vivere la santità così come ci chiede Cristo nel Vangelo.

Si è parlato di risentimento e di come curarlo partendo dalla filiazione divina, ossia dal fatto di sentirci profondamente amati. Questo ci fa cambiare e, per grazia, ci fa essere alter-Cristo e vivere uno spirito di donazione e di autentico servizio agli altri, giacché essere cristiano significa condividere e donare. Tre le chiavi per essere un cristiano autentico e vivere una vita di santità: Orazione, Eucaristia e Vangelo.

  1. Luis Casasús ha celebrato la santa messa insieme alla comunità ecuatoriana di Maiorca, per la festa della Vergine del Cizne, con circa 150 ecuatoriani, in una giornata di festa con la processione, il pranzo e momenti artistici. È stato un bel momento per stabilire nuovi legami tra questa comunità e la nostra missione idente qui a Maiorca. Nell’omelia ci ha esortato tutti a vivere la fiducia in Maria come autentica Madre, non solo di Dio ma di tutti e ciascuno dei suoi figli. Ha parlato anche della famiglia, della sua importanza nella trasmissione della fede, richiamando Papa Francesco quando ci invita tutti ad essere apostoli e missionari della misericordia e avvicinare le persone all’Eucarestia.

Visita del Presidente dell’ Istituto Id e della Superiora Generale a Siviglia e Costantina

By | Gli identes oggi, Presidenza, Sedi Generali, Spagna | No Comments

Il P. Jesús Fernández, Presidente dei missionari e delle missionarie identes, e María del Carmen García Viyuela, Superiora Generale delle missionarie identes, hanno visitato le fondazioni di Siviglia e Costantina dal 15 al 23 aprile.

E’ stata una settimana intensa in cui hanno avuto l’occasione di salutare i parrocchiani della parrocchia“L’ Annunciazione di Nostra Signora e San Giovanni XXIII”, affidata ai missionari identes; di avere una riunione con i membri del Catecumenato Idente,con quelli della Famiglia Idente, della Gioventù Idente e con alcuni membri dei gruppi parrocchiali, così come l’opportunità di visitare i bambini del Collegio “Concilio”, che appartiene alla parrocchia.

Dedicarono anche una giornata a visitare la comunità di missionari che si trovano nel monastero “La Victoria de san José”, nella località montana di Costantina, e di conversare amabilmente con gli alunni della scuola di pittura “El Gurugú”, cui ha dato inizio nel monastero, l’artista e professoressa Carmen Meléndez, della Famiglia Idente. Le opere di questo gruppo, in cui ci sono adulti e bambini, vanno acquistando grande notorietà non solo all’interno della località ma anche fuori.

Il Presidente e la Superiora ebbero occasione di convivere con amici dei missionari e con giovani che i missionari vanno conoscendo grazie alla loro instancabile azione apostolica che, con la loro parola e la testimonianza delle loro vite va lasciando un segno di pace e di allegria in coloro che hanno accanto.

Domenica 22, il Presidente offició la Santa Messa nella parrocchia di Siviglia. Nella sua omelia, commentando la Parola che si riferiva al Buon Pastore, con la forza che lo caratterizza, invitò tutti a dire a Cristo “come i discepoli di Emmaus:’ resta con noi, te lo chiediamo per favore, resta con noi’. Perché nel cuore dell’uomo c’è troppa oscurità, troppe ombre, troppa tristezza. Resta con noi! E se veramente glielo chiediamo, Cristo entra in noi e dirige i nostri pensieri, la nostra immaginazione, la nostra creatività, i nostri sentimenti… E Cristo, che è come dopo la resurrezione, si presenta ai suoi discepoli e dice loro ‘la pace sia con voi’, perché Cristo è la pace; per questo dice ‘la pace sia convoi’. E che significa questo? Che Egli mi aiuterà a superare tutte le mie difficoltà se io ho fiducia in Lui.

Fiducia, questa parola tanto semplice. Fiducia significa che apro il mio cuore… Cristo è la pace, il Buon Pastore. Egli dà la vita e vuole condividere la sua vita con noi, ossia una vita di misericordia, di perdono, quello che ci costa tanto nonostante che diciamo nel Padre nostro ‘perdonaci le nostre offese come noi perdoniamo a coloro che ci hanno offeso’; lo diciamo nel Padre Nostro, ma lo viviamo?…

Se io guardo a Cristo, Cristo dissolverà le ferite che ho nel mio cuore. Se guardo alle piaghe di Cristo, cosa vedo in esse? Puro amore. Ma anche Lui guarda le nostre piaghe e non sono sempre di amore. C’è dolore, sofferenza, vendetta, odio. Non molto tempo fa in Africa una ragazza mi diceva: – Hanno ucciso i miei genitori, i miei fratelli ed i miei nonni; io ho nel cuore solo odio e desiderio di vendetta, che faccio con tutto questo? – E io le dissi: la prima cosa è non desiderare vendetta. Tu vuoi uccidere tutte quelle persone? – No, io non voglio più morti – . Il primo gradino del perdono è non volere vendicarsi; è il primo passo perché il perdono non è una parola, è un cammino. Come sono un cammino l’amore e la santità, che è la pienezza dell’amore ; è un cammino che bisogna percorrere, e non è facile. Ma Cristo, al nostro fianco, ci fa superare tutte queste difficoltà. Lui è il Buon Pastore”.

Il P. Jesús Fernández spiegò anche come si deve recitare il Padre Nostro, adottando l’atteggiamento tenero di un bimbo verso suo padre. Sotto la galleria di foto di questa notizia c’è un video con un frammento delle parole dette dal nostro Presidente.

Nei vari momenti condivisi, sia con le comunità di missionari che con il resto delle persone che hanno avuto occasione di salutare e conoscere, il Presidente e la Superiora Generale non cessarono di mostrare la loro vicinanza, il loro affetto e la loro gratitudine; sentimenti che hanno, naturalmente, ricevuto anche da tutti noi, perché tutti eravamo coscienti della benedizione che ricevevamo stando al loro fianco.

Importante esperienza di formazione e accompagnamento di giovani dell’archidiocesi di Madrid

By | Gli identes oggi, Sedi Generali, Spagna | No Comments

Da dicembre 2017, all’ Istituto Id di Cristo Redentore, è stato affidato il compito della formazione e dell’accompagnamento dei giovani appartenenti alla seconda Vicaría (la sede generale delle missionarie appartiene a questa vicaría) dell’ Archidiocesi di Madrid.

Questo incarico venne conferito da colui che fino a poco fa era il vicario di questa zona, Don José Cobo, attualmente vescovo ausiliare dell’ Archidiocesi.

Ana Isabel Sánchez, missionaria Idente, è colei che ha portato avanti questo incarico. L’ itinerario di formazione e di accompagnamento ha una serie di temi interessanti nella società attuale e che vengono impartiti mensilmente.

Lo schema dei corsi è stato: Orazione, esposizione magistrale, riposo, continuazione dell’esposizione e tocco carismatico.

I temi per questa prima parte del corso sono stati:

  1. Affettività. Impartito da Elena Peces, missionaria Idente, laureata in Scienze Religiose e con un master sulla Famiglia.
  2. Acompagnamento. Impartito da Juana Sánchez-Gey, missionaria Idente, professoressa nella UAM, dottoressa in Filosofia e con Licenza in Teologia.
  3. Sciencia e fede. Impartito da Mara Pelayo Baldárrago, missionaria Idente, laureata in Scienze fisiche con master in Astrofisica.
  4. Nuove reti nell’evangelizzazione, a cura di padre Julián Lozano della diocesi di Getafe, Delegato dei Mezzi di Comunicazione, Laureato in giornalismo, membro di iMissione (Non so se è giusto) e Sandra Ocampo, Editore Capo di LaContra.TV
  5. Ecología. Laudato Si. Impartito da Alberto Sánchez, medico di famiglia con Baccellierato in Teologia, e Miguel Ángel García, Ingegnere in Telecomunicazioni, del Gruppo di Sensibilizzazione Ecosociale della Parrocchia di Nostra Signora delle Rose; membri del collettivo Cristianesimo ed Ecologia.

Il prossimo corso, che partirà il 12 maggio, ha per titolo Religione e pseudo-religione, e sarà impartito da Maria Fernanda Lacilla, missionaria Idente, dottore in Filosofia e con Licenza in Teologia. Professore di Fondamenti dell’ Educazione nell’ Università Ecclesiastica di San Damaso, è stata professore del Fatto Religioso, nel Centro Teologico di Getafe e, per vari anni, di Religioni Comparate nell’Università CEU senioribus; e da Diego Solera, con Master in Scienze delle Religioni; laureato in Filosofia alla Complutense di Madrid; Membro della Società Iberica di Filosofia Greca; membro dell’Associazione Talete; membro dell’Associazione di Giovani Ricercatori in Scienze delle Religioni.

Per participare a questi corsi, ogni parrocchia della Vicaría è stata informata della modalità di iscrizione, dell’organizzazione e di come procedere alla diffusione dell’informativa.

Ogni corso, da parte dei relatori ha cercato di assicurare basi ferme nella tematica trattata, per la difesa della fede e per la crescita in essa.

Gli interessati a partecipare a quest’ultimo corso, possono iscriversi in: https://goo.gl/forms/yvWEGvkCad65J9cF2. Il corso si terrà nei locali della II Vicarìa (Via Ignacio Ellacuria 2) il giorno 12 maggio dalle 10h00 alle 14h00. Ha un costo di 2 euro.

Cena solidaria por la misión idente en Iquitos, amazonía peruana

By | Perù, Sedi Generali | No Comments

La misión idente de Iquitos, Perú, ha sido la beneficiaria del encuentro familiar y entrañable que ha supuesto la cena solidaria celebrada en Madrid el pasado 1 de junio. A la vez, estos eventos en favor de las misiones identes ya se van haciendo tradición en España.

En esta ocación, la cena solidaria reunió a unas 80 personas que quisieron dar su apoyo y conocer más a fondo la labor que llevan adelante las misioneras y misioneros identes durante más de 40 años tanto en esa ciudad amazónica como en todo el Perú.

Ha sido la misionera María del Carmen Orts Poveda quien, desde su experiencia de largos años trabajando en la selva de Perú como médico ha podido hacernos más cercana aquella realidad. Iquitos, que significa multitud separada por las aguas, es la capital de la provincia del Maynas, Departamento de Loreto, el más grande del Perú en territorio. Además, es también la ciudad más grande de la amazonía peruana, con cerca de medio millón de habitantes y está rodeada por los ríos Amazonas, Nanay e Itaya y el lago Moronacocha. Además de aproximarnos a la realidad amazónica, Carmen habló de la misión que llevan adelante la comunidad de misioneras y misioneros identes, que, entre otras cosas, tienen encomendada una parroquia.

En la primera parte de la cena contamos también con unas bellas palabras de María Fernanda Lacilla Ramas, secretaria general de las misioneras identes, quien habló de la importancia del apoyo de la Familia Idente, no solo desde la perspectiva económica, sino también con su oración, acompañamiento y trabajo voluntario. Asimismo transmitió los saludos de los Superiores de la Institución idente, que estaban en esos momentos visitando la misión idente de África.

Un ambiente entrañable ha caracterizado, como siempre, este encuentro, llenándonos de entusiasmo para seguir ofreciendo lo mejor de nosotros mismos a los demás, especialmente los más necesitados.

El Arzobispo de Pamplona asiste a un retiro con los misioneros identes en La Cabrera (Madrid)

By | Europa, Sedi Generali | No Comments

El retiro que celebraron un grupo de misioneros y de misioneras identes en el Monasterio de La Cabrera (Madrid) entre el 29 de abril y el 2 de mayo tuvo como invitado especial a Mons. Francisco Pérez González, Arzobispo de Pamplona. Él había solicitado participar como uno más para tener ocasión de conocer de cerca la espiritualidad del Fundador de los misioneros identes, Fernando Rielo, y su carisma.

Los misioneros y misioneras provenían de Madrid, Palma de Mallorca, Javier y Las Palmas de Gran Canaria, y el retiro tuvo lugar en el  inspirador Convento-Monasterio de San Julián y San Antonio, en La Cabrera, regido por los misioneros identes.

El retiro fue impartido por Juana Sánchez-Gey y el P. José María López Sevillano. Cada retiro tiene un tema central orientado a profundizar en la espiritualidad idente y en su vivencia concreta, siendo para esta ocasión la temática: Examen ascético-místico, oración continua y vida apostólica. Mons. Francisco Pérez, como persona sencilla y espiritual que es, observó con atención y participó de cada uno de los momentos que hacían parte de este retiro para formación y profundización en la espiritualidad idente. En su homilía del 1 de mayo nos compartió algunas de sus hondas impresiones:

“Muchísimas gracias por estos días entre vosotros que me ha permitido conoceros más; ya os conocía de antes. No tengáis miedo, porque sois de Dios y eso se nota. Me ha gustado mucho lo de ascética y mística y la forma filosófica y teológica que habéis recibido de Fernando Rielo. Vuestro Fundador os ha dicho lo que es fundamental, que es la santidad. Ya lo dijo el Concilio Vaticano II; antes era solamente para los religiosos, algún sacerdote y algún obispo pero nadie más. No tengáis miedo porque cumplís las características del misionero. Os apoyáis en tres columnas: el Padre celestial, a imagen de la Trinidad y “dónde dos o más estén reunidos en mi nombre ahí estoy en medio de ellos”. Es decir, os apoyáis en dos cosas fundamentales: estáis inmersos en la Santísima Trinidad y sois enviados, “id y predicad”, pero qué vais a anunciar sino el mensaje de la Trinidad. Vuestro carisma es necesario en la Iglesia; hay muchos carismas, como en un tapiz de muchos colores vosotros aportáis vuestro color”.

Tal y como se perseguía, la vivencia entrañable entre hermanos permitió que el tiempo de retiro fuese también de descanso y disfrute para poder vislumbrar con claridad la vivencia de la temática del retiro en la misión diaria que cada misionera y misionero lleva a cabo.

El Convento Monasterio San Julián y San Antonio, en La Cabrera, fue fundado entre los ss. XI y XII y perteneció a los benedictinos, primero, y a los franciscanos, después. En el 2004 fue encomendado a los misioneros identes, quienes, además de su misión religiosa, promueven la celebración de actividades culturales, sociales y de restauración. (www.conventolacabrera.es)